Ministero del Lavoro Logo
Istat Logo
Disablità Logo
Tavola: Persone di 15 anni e più per presenza di disabilità e condizione professionale dichiarata (per 100 persone con le stesse caratteristiche)
INFORMAZIONI SUI DATI
Popolazione di riferimento
Note
INFORMAZIONI SULLE FONTI DEI DATI
L'indagine Condizioni di salute e uso dei servizi, svolta con cadenza quinquennale, è lo strumento fondamentale per l'osservazione delle condizioni di salute della popolazione. Essa costituisce attualmente l'unica fonte di dati organizzata, informatizzata ed uniforme a livello territoriale, in grado di fornire un quadro abbastanza completo, sebbene non esaustivo, sulle persone con disabilità. L'indagine permette di avere una stratificazione del fenomeno della disabilità per gravità, descrive a livello socio-demografico gli individui con disabilità e fornisce informazioni sul contesto familiare, sul tempo libero e sull'utilizzo dei servizi sanitari da parte delle persone con disabilità. Per rilevare la disabilità sino all'ultima edizione dell'indagine (2005), l'Istat ha fatto riferimento ad una batteria di quesiti denominata ADL (Attività della vita quotidiana), predisposta dall'Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) sulla base della classificazione ICIDH (International Classification of Impairments, Disabilities and Handicaps) dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). La batteria è usata nelle indagini di popolazione per accertare il grado di autonomia individuale e, quindi, consente di studiare specifiche dimensioni della disabilità: la dimensione delle funzioni della vita quotidiana, che comprende le attività di cura della persona (lavarsi, vestirsi, fare il bagno o la doccia, mangiare); la dimensione fisica, sostanzialmente relativa alle funzioni della mobilità e della locomozione (camminare, salire e scendere le scale, raccogliere oggetti da terra) che, nelle situazioni limite, si configura come confinamento, cioè costrizione permanente dell'individuo in un letto, su una sedia o in una abitazione; la dimensione della comunicazione, che comprende le funzioni della parola, della vista e dell'udito. Tutte le difficoltà nello svolgimento delle attività sono valutate in presenza di protesi o ausili.